margheritacoralluzzo.com logo
« < >

Collezione "La bellezza è dentro le piccole cose della vita"

N.B ANCORA IN FASE DI LAVORAZIONE. "La vita è fatta di piccole felicità insignificanti, simili a minuscoli fiori. Non è fatta solo di grandi cose, come lo studio, l'amore, i matrimoni, i funerali. Ogni giorno succedono piccole cose, tante da non riuscire a tenerle a mente né a contarle, e tra di esse si nascondono granelli di una felicità appena percepibile, che l'anima respira e grazie alla quale vive." (Banana Yashimoto).(Slideshow, titolo e descrizione dell'opera sotto ogni foto. Inoltre si suggerisce l'ascolto dei brani strumentali riportati di seguito)

"Benedetti siano gli istanti,e i millimetri, e le ombre delle piccole cose" - Fernando Pessoa - Cos'è una brocca? È un contenitore dove risiede il bene più prezioso di questo mondo: l'acqua. Una brocca non è solo un oggetto di cui liberarsi, ma un mezzo utile per dissetarsi.
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
1 / 30 enlarge slideshow
"Benedetti siano gli istanti,e i millimetri, e le ombre delle piccole cose" - Fernando Pessoa
Cos'è una brocca? È un contenitore dove risiede il bene più prezioso di questo mondo: l'acqua. Una brocca non è solo un oggetto di cui liberarsi, ma un mezzo utile per dissetarsi.
"Il confessionale è la stanza del cuore che si apre al perdono di Dio" - Niente è più soddisfacente che osare o ricevere una persona. Della personase stessa e degli altri. Per sentirsi in pace con Dio che veglia nei nostri cuori.
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
2 / 30 enlarge slideshow
"Il confessionale è la stanza del cuore che si apre al perdono di Dio"
Niente è più soddisfacente che osare o ricevere una persona. Della personase stessa e degli altri. Per sentirsi in pace con Dio che veglia nei nostri cuori.
"Il duro lavoro che non conosci della vita di una persona" - Quanto lavoro c'è dietro un sorriso? Te lo sei mai chiesto?. Quanto duro lavoro può essere nascosto dietro qualsiasi lavoro manuale. Ogni lavoro è dignitoso se svolto in modo lecito e onesto. Che sia pulire le strade, lavorare la terra o qualsiasi altro lavoro che rendere nobile il rispetto per se stessi e per gli altri.
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
3 / 30 enlarge slideshow
"Il duro lavoro che non conosci della vita di una persona"
Quanto lavoro c'è dietro un sorriso? Te lo sei mai chiesto?. Quanto duro lavoro può essere nascosto dietro qualsiasi lavoro manuale. Ogni lavoro è dignitoso se svolto in modo lecito e onesto. Che sia pulire le strade, lavorare la terra o qualsiasi altro lavoro che rendere nobile il rispetto per se stessi e per gli altri.
"L'arnia e le custodi della vita" - L'alveare è il rifugio artificiale dove vivere le api e può essere un contenitore di varie forme e dimensioni, costruito con i più svariati materiali e all'interno del quale le api costruiscono i favi, allevano la covata e depositano il miele.
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
4 / 30 enlarge slideshow
"L'arnia e le custodi della vita"
L'alveare è il rifugio artificiale dove vivere le api e può essere un contenitore di varie forme e dimensioni, costruito con i più svariati materiali e all'interno del quale le api costruiscono i favi, allevano la covata e depositano il miele.
"Svuotare per riempire" - Devi sempre svuotare qualcosa per riempirti di cose nuove. Un po' come nella vita, se voglio imparare cose nuove, devo svuotarmi del mio sapere, del mio sapere per ascoltare bene l'altro e riempirmi di stupore.
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
5 / 30 enlarge slideshow
"Svuotare per riempire"
Devi sempre svuotare qualcosa per riempirti di cose nuove. Un po' come nella vita, se voglio imparare cose nuove, devo svuotarmi del mio sapere, del mio sapere per ascoltare bene l'altro e riempirmi di stupore.
" Eliminare i fardelli pesanti" - Sono le attività umane (miniere, tabacco, fabbriche, automobili, centrali nucleari, grandi città, guerre, rifiuti industriali nei fiumi, amalgami dentali, medicinali, ecc.) che li immettono nell'aria, nell'acqua, negli alimenti e nei prodotti per uso estetico , i cosiddetti "materiali pesanti", dannosi per l'organismo umano che stenta ad eliminarli. Allo stesso modo, anche la nostra anima ha bisogno di espellere i massi che porta nel cuore per trovare la pace.
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
6 / 30 enlarge slideshow
" Eliminare i fardelli pesanti"
Sono le attività umane (miniere, tabacco, fabbriche, automobili, centrali nucleari, grandi città, guerre, rifiuti industriali nei fiumi, amalgami dentali, medicinali, ecc.) che li immettono nell'aria, nell'acqua, negli alimenti e nei prodotti per uso estetico , i cosiddetti "materiali pesanti", dannosi per l'organismo umano che stenta ad eliminarli. Allo stesso modo, anche la nostra anima ha bisogno di espellere i massi che porta nel cuore per trovare la pace.
"Quanto pane può sfornare il forno di un panettiere" - La professione più antica del mondo. Il cibo più antico del mondo. Con la comparsa del fuoco, già nel 12000 aC era possibile cuocere del buon pane cuocendolo su una pietra rovente. Il primo Forno, che significa calore che a sua volta significa fuoco, fu scoperto casualmente dall'Homo erectus, 1,5 milioni di anni fa, in Sud Africa. Riuscì infatti a domare il fuoco e scoprirne le potenzialità. Fu una coincidenza, probabilmente un fulmine che incendiò il ramo di un albero, che scatenò l'idea di utilizzare quel ramo per migliorare il cibo. Bisogna però attendere l'arrivo dell'Homo sapiens, 29.000 anni fa per arrivare alla costruzione del primo forno: una fossa sotterranea dove veniva posto il cibo, ricoperta da fitta chioma, ma siamo ancora agli antipodi del forno domestico.
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
7 / 30 enlarge slideshow
"Quanto pane può sfornare il forno di un panettiere"
La professione più antica del mondo. Il cibo più antico del mondo. Con la comparsa del fuoco, già nel 12000 aC era possibile cuocere del buon pane cuocendolo su una pietra rovente. Il primo Forno, che significa calore che a sua volta significa fuoco, fu scoperto casualmente dall'Homo erectus, 1,5 milioni di anni fa, in Sud Africa. Riuscì infatti a domare il fuoco e scoprirne le potenzialità. Fu una coincidenza, probabilmente un fulmine che incendiò il ramo di un albero, che scatenò l'idea di utilizzare quel ramo per migliorare il cibo. Bisogna però attendere l'arrivo dell'Homo sapiens, 29.000 anni fa per arrivare alla costruzione del primo forno: una fossa sotterranea dove veniva posto il cibo, ricoperta da fitta chioma, ma siamo ancora agli antipodi del forno domestico.
"La batteria è un ottimo contenitore di suoni e di vibrazioni" - I tamburi sono uno strumento musicale composto da tamburi, piatti e altri strumenti a percussione disposti in modo tale da poter essere suonati da un solo musicista, detto batterista. Durante l'emissione del suono l'energia data dal colpo si disperde e viene consumata dal tamburo in vibrazioni. Le vibrazioni iniziali dopo il colpo sono più intense, l'energia viene dispersa sulla pelle e sull'asta dopo la prima oscillazione e l'energia residua viene utilizzata nella successiva. Questo fenomeno viene ripetuto dal tamburo fino al completo esaurimento dell'energia data dal colpo. La pelle del tamburo e la canna sono i mezzi che generano la vibrazione e impiegano appieno l'energia data dal colpo e trasferita al tamburo.
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
8 / 30 enlarge slideshow
"La batteria è un ottimo contenitore di suoni e di vibrazioni"
I tamburi sono uno strumento musicale composto da tamburi, piatti e altri strumenti a percussione disposti in modo tale da poter essere suonati da un solo musicista, detto batterista. Durante l'emissione del suono l'energia data dal colpo si disperde e viene consumata dal tamburo in vibrazioni. Le vibrazioni iniziali dopo il colpo sono più intense, l'energia viene dispersa sulla pelle e sull'asta dopo la prima oscillazione e l'energia residua viene utilizzata nella successiva. Questo fenomeno viene ripetuto dal tamburo fino al completo esaurimento dell'energia data dal colpo. La pelle del tamburo e la canna sono i mezzi che generano la vibrazione e impiegano appieno l'energia data dal colpo e trasferita al tamburo.
"La Cripta" - Dall'Enciclopedia Cattolica: "" La parola cripta in origine indicava un luogo nascosto, naturale o artificiale, adatto a nascondere persone o cose. Quando le visite ai luoghi di sepoltura fuori dalle mura di Roma caddero in disuso, un curioso cambiamento. La Chiesa, non potendo più uscire per onorare i martiri, li portò dentro le mura, e invece di costruire edifici ecclesiali sopra le tombe, scavarono le tombe stesse sotto le chiese e vi deposero preziose reliquie. l'origine prima della confessio delle basiliche e poi della cripta, che rispondeva allo stesso obiettivo nelle chiese di epoca altomedievale. In questo modo la cripta romanica è la diretta discendente dell'ipogeo delle prime catacombe cristiane”
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
9 / 30 enlarge slideshow
"La Cripta"
Dall'Enciclopedia Cattolica: "" La parola cripta in origine indicava un luogo nascosto, naturale o artificiale, adatto a nascondere persone o cose. Quando le visite ai luoghi di sepoltura fuori dalle mura di Roma caddero in disuso, un curioso cambiamento. La Chiesa, non potendo più uscire per onorare i martiri, li portò dentro le mura, e invece di costruire edifici ecclesiali sopra le tombe, scavarono le tombe stesse sotto le chiese e vi deposero preziose reliquie. l'origine prima della confessio delle basiliche e poi della cripta, che rispondeva allo stesso obiettivo nelle chiese di epoca altomedievale. In questo modo la cripta romanica è la diretta discendente dell'ipogeo delle prime catacombe cristiane”
" La raccolta che fa bene al corpo e al cuore" - In una cassetta di frutta e verdura, c'è un mondo che spesso sottovalutiamo in importanza. Dal sito della FAO si legge: "L'agricoltura è importante oggi come lo era in passato? Le statistiche della FAO mostrano che, all'inizio del nuovo millennio, 2,57 miliardi di persone dovevano il proprio sostentamento all'agricoltura, alla caccia, alla pesca o alla silvicoltura; questa cifra include le persone direttamente impiegate in queste attività e le persone a loro carico, cioè il 42% dell'intera popolazione mondiale.- Ma forse il ruolo più significativo dell'agricoltura è che rappresenta, per oltre 850 milioni di persone denutrite, per lo più residenti in aree rurali, un mezzi per sfuggire alla fame. Queste persone possono accedere al cibo solo se lo producono da soli o se hanno i soldi per comprarlo. E, nelle zone rurali, l'area in cui hanno maggiori probabilità di fare soldi è la fiorente industria alimentare e agricola. "
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
10 / 30 enlarge slideshow
" La raccolta che fa bene al corpo e al cuore"
In una cassetta di frutta e verdura, c'è un mondo che spesso sottovalutiamo in importanza. Dal sito della FAO si legge: "L'agricoltura è importante oggi come lo era in passato? Le statistiche della FAO mostrano che, all'inizio del nuovo millennio, 2,57 miliardi di persone dovevano il proprio sostentamento all'agricoltura, alla caccia, alla pesca o alla silvicoltura; questa cifra include le persone direttamente impiegate in queste attività e le persone a loro carico, cioè il 42% dell'intera popolazione mondiale.- Ma forse il ruolo più significativo dell'agricoltura è che rappresenta, per oltre 850 milioni di persone denutrite, per lo più residenti in aree rurali, un mezzi per sfuggire alla fame. Queste persone possono accedere al cibo solo se lo producono da soli o se hanno i soldi per comprarlo. E, nelle zone rurali, l'area in cui hanno maggiori probabilità di fare soldi è la fiorente industria alimentare e agricola. "
"Spesso cerchiamo altrove ciò che invece dovremmo cercare dentro noi stessi" - "Leggi la tua anima"
di Elisabetta Ferraroni: "Imparare a guardarsi dentro è il primo passo per conoscersi, per verificare di che pasta siamo fatti, per vedere" la sostanza del cuore. “Se ogni persona è un “unico” nella storia dell'umanità, un distinto e diverso da tutti gli altri, un “destino” originario da realizzare, è necessario attivare un doppio percorso, dalle “maschere” al volto . , omogeneizzare, standardizzare... sedurre; e - in secondo luogo - conoscere/riconoscere ciò che ci costituisce nella verità e che solo quando viene interiorizzato viene percepito come "vero", significativo, vitale, un progetto realizzante".
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
11 / 30 enlarge slideshow
"Spesso cerchiamo altrove ciò che invece dovremmo cercare dentro noi stessi"
"Leggi la tua anima"
di Elisabetta Ferraroni: "Imparare a guardarsi dentro è il primo passo per conoscersi, per verificare di che pasta siamo fatti, per vedere" la sostanza del cuore. “Se ogni persona è un “unico” nella storia dell'umanità, un distinto e diverso da tutti gli altri, un “destino” originario da realizzare, è necessario attivare un doppio percorso, dalle “maschere” al volto . , omogeneizzare, standardizzare... sedurre; e - in secondo luogo - conoscere/riconoscere ciò che ci costituisce nella verità e che solo quando viene interiorizzato viene percepito come "vero", significativo, vitale, un progetto realizzante".
"Oltre il velo del Tempio" - Qual era il "velo del tempio" che si squarciò alla morte di Gesù? Da Aleteia: "Nel tempio dei "veli" (tende) ce n'erano due: uno stava davanti all'altare dell'incenso, dove ogni giorno entravano i sacerdoti; l'altro separava la zona riservata ai sacerdoti da quella del Santo dei Santi, che solo il Sommo Sacerdote poteva entrare una volta all'anno nel Giorno dell'Espiazione.
Giusto per dare un'idea della straordinarietà dell'evento, lo storico ebreo Giuseppe Flavio disse che nemmeno due cavalli legati a questa grande tenda sarebbero riusciti a strapparlo. La sua manutenzione era davvero un'impresa: alto quasi venti metri e spesso dieci centimetri, si diceva che per arrotolarlo ci sarebbero voluti una settantina di uomini. Un velo (Parokhet) è ancora posto nelle sinagoghe davanti all'Aron Kodesh (armadio sacro), dove sono conservati i rotoli della Torah. Con queste informazioni essenziali, siamo in grado di comprendere l'imponenza e la straordinarietà dell'evento, a cui Matteo unisce il terremoto, una sorta di eclissi (tra l'altro davvero straordinaria, visto che in quei giorni di Pasqua c'era la luna piena e la luna era dalla parte opposta del sole, quindi non avrebbe mai potuto coprirlo) e la resurrezione dei corpi sepolti.
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
12 / 30 enlarge slideshow
"Oltre il velo del Tempio"
Qual era il "velo del tempio" che si squarciò alla morte di Gesù? Da Aleteia: "Nel tempio dei "veli" (tende) ce n'erano due: uno stava davanti all'altare dell'incenso, dove ogni giorno entravano i sacerdoti; l'altro separava la zona riservata ai sacerdoti da quella del Santo dei Santi, che solo il Sommo Sacerdote poteva entrare una volta all'anno nel Giorno dell'Espiazione.
Giusto per dare un'idea della straordinarietà dell'evento, lo storico ebreo Giuseppe Flavio disse che nemmeno due cavalli legati a questa grande tenda sarebbero riusciti a strapparlo. La sua manutenzione era davvero un'impresa: alto quasi venti metri e spesso dieci centimetri, si diceva che per arrotolarlo ci sarebbero voluti una settantina di uomini. Un velo (Parokhet) è ancora posto nelle sinagoghe davanti all'Aron Kodesh (armadio sacro), dove sono conservati i rotoli della Torah. Con queste informazioni essenziali, siamo in grado di comprendere l'imponenza e la straordinarietà dell'evento, a cui Matteo unisce il terremoto, una sorta di eclissi (tra l'altro davvero straordinaria, visto che in quei giorni di Pasqua c'era la luna piena e la luna era dalla parte opposta del sole, quindi non avrebbe mai potuto coprirlo) e la resurrezione dei corpi sepolti.
"Nella botte piccola, c'è il vino buono" - Da Whineshop: "Nella botte piccola c'è del buon vino" si riferisce metaforicamente alla capacità di oggetti apparentemente insignificanti o piccole persone di qualità importanti, difficili da trovare o da immaginare in un primo momento e poco attenti ad avere osservazioni.
L'espressione è oggi utilizzata in una grande varietà di contesti e situazioni per la sua efficacia e per la sua capacità descrittiva: in poche parole contiene una verità o ciò che il parlante considera una verità.
Difficile, se non impossibile, individuare una data precisa in cui questo motto abbia fatto la sua comparsa, sicuramente dopo l'uso consapevole delle botti di legno per la conservazione e l'invecchiamento del vino. In piccole botti c'è vino buono "si riferisce alla tendenza di viticoltori per mantenere quella parte del vino, considerato il miglior, in piccole botti per migliorare i suoi profumi e gli aromi.
InOLTRE Il Legno ha la Capacità di conferire al vino aromi eleganti e sofisticati, quindi Maggiore e la superficie di contatto chat Tra legno e Vino, maggiori Sono Gli Aromi di Vaniglia e affumicati trasferiti dal legno al vino Stesso. Una scoperta Che Risale all'incirca all'ottocento, nonostante Le Botti di legno utilizzate fin dall'antichità per il trasporto del vino.È quindi probabile che l'espressione "nella botte piccola c'è del buon vino" risalga grosso modo a questo periodo.
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
13 / 30 enlarge slideshow
"Nella botte piccola, c'è il vino buono"
Da Whineshop: "Nella botte piccola c'è del buon vino" si riferisce metaforicamente alla capacità di oggetti apparentemente insignificanti o piccole persone di qualità importanti, difficili da trovare o da immaginare in un primo momento e poco attenti ad avere osservazioni.
L'espressione è oggi utilizzata in una grande varietà di contesti e situazioni per la sua efficacia e per la sua capacità descrittiva: in poche parole contiene una verità o ciò che il parlante considera una verità.
Difficile, se non impossibile, individuare una data precisa in cui questo motto abbia fatto la sua comparsa, sicuramente dopo l'uso consapevole delle botti di legno per la conservazione e l'invecchiamento del vino. In piccole botti c'è vino buono "si riferisce alla tendenza di viticoltori per mantenere quella parte del vino, considerato il miglior, in piccole botti per migliorare i suoi profumi e gli aromi.
InOLTRE Il Legno ha la Capacità di conferire al vino aromi eleganti e sofisticati, quindi Maggiore e la superficie di contatto chat Tra legno e Vino, maggiori Sono Gli Aromi di Vaniglia e affumicati trasferiti dal legno al vino Stesso. Una scoperta Che Risale all'incirca all'ottocento, nonostante Le Botti di legno utilizzate fin dall'antichità per il trasporto del vino.È quindi probabile che l'espressione "nella botte piccola c'è del buon vino" risalga grosso modo a questo periodo.
"Il valore della macina in pietra" - Da Opera: "L'arte molitoria si configura come uno dei momenti più importanti e significativi della civiltà occidentale, anche per i molteplici interessi sociali, politici, economici e tecnologici che hanno suscitato.
In realtà il mulino storico (sia ad acqua che a vento), nelle sue espressioni più complete, costituisce una delle più grandi invenzioni tecnologiche non solo dell'antichità, ma anche e soprattutto dell'età medievale e moderna, periodo in cui si presenta come un meraviglioso tuttofare se considerato nei suoi svariati e diversi utilizzi in cui viene ad operare. Innumerevoli sono le testimonianze diffuse ovunque da questa macchina produttiva, che mostrano chiaramente come il mulino non fosse solo una significativa manifestazione architettonica inserita nel panorama urbano o rurale, ma anche un vero e proprio operatore di trasformazioni economiche, civili, sociali e territoriali, segnando in qualche modo e per sempre alcuni aspetti della civiltà europea.
In un paese che consumava (e consuma) grandi quantità di cereali e granaglie di vario genere come l'Italia, "acqua, macine e farina" deve completarsi a vicenda e trovare nel mulino la loro sede privilegiata.
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
14 / 30 enlarge slideshow
"Il valore della macina in pietra"
Da Opera: "L'arte molitoria si configura come uno dei momenti più importanti e significativi della civiltà occidentale, anche per i molteplici interessi sociali, politici, economici e tecnologici che hanno suscitato.
In realtà il mulino storico (sia ad acqua che a vento), nelle sue espressioni più complete, costituisce una delle più grandi invenzioni tecnologiche non solo dell'antichità, ma anche e soprattutto dell'età medievale e moderna, periodo in cui si presenta come un meraviglioso tuttofare se considerato nei suoi svariati e diversi utilizzi in cui viene ad operare. Innumerevoli sono le testimonianze diffuse ovunque da questa macchina produttiva, che mostrano chiaramente come il mulino non fosse solo una significativa manifestazione architettonica inserita nel panorama urbano o rurale, ma anche un vero e proprio operatore di trasformazioni economiche, civili, sociali e territoriali, segnando in qualche modo e per sempre alcuni aspetti della civiltà europea.
In un paese che consumava (e consuma) grandi quantità di cereali e granaglie di vario genere come l'Italia, "acqua, macine e farina" deve completarsi a vicenda e trovare nel mulino la loro sede privilegiata.
"Contenitore di chiacchiere" - Da Il Commercio: "In principio era il caffè.
Vienna, i turchi assediarono la città nel 1683 e importarono nel vecchio continente quel modello di caffetteria araba già conosciuto in tutto il Medio Oriente fino a Costantinopoli. La storia dei bar infatti inizia fuori Europa, intorno al 1500, in quei luoghi che nel tempo sono diventati punti di ritrovo per artisti e poeti, dove viene servito il caffè preparato proprio 'alla turca'.Questa
nuova moda iniziò a diffondersi dall'Austria, dove un polacco che lavorava come corriere durante il Guerra turco-prussiana, dopo aver appreso le tecniche per la preparazione del caffè, aprì il primo ristorante nel 1684.
Con la presenza sempre più capillare dei primi bar sul territorio, si affina anche la creazione di quella bevanda dal gusto esotico che sembra accontentare tanto i palati europei.
Per vedere i primi caffè in Italia bisogna attendere il XVIII secolo quando a Venezia - non a caso porto frequentato da mercanti turchi - aperto nel 1720 il famoso Caffè Florian. Anche Carlo Goldone, nella sua opera La bottega del caffè, cita questi nuovi luoghi che raccontano momenti e atmosfere. "
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
15 / 30 enlarge slideshow
"Contenitore di chiacchiere"
Da Il Commercio: "In principio era il caffè.
Vienna, i turchi assediarono la città nel 1683 e importarono nel vecchio continente quel modello di caffetteria araba già conosciuto in tutto il Medio Oriente fino a Costantinopoli. La storia dei bar infatti inizia fuori Europa, intorno al 1500, in quei luoghi che nel tempo sono diventati punti di ritrovo per artisti e poeti, dove viene servito il caffè preparato proprio 'alla turca'.Questa
nuova moda iniziò a diffondersi dall'Austria, dove un polacco che lavorava come corriere durante il Guerra turco-prussiana, dopo aver appreso le tecniche per la preparazione del caffè, aprì il primo ristorante nel 1684.
Con la presenza sempre più capillare dei primi bar sul territorio, si affina anche la creazione di quella bevanda dal gusto esotico che sembra accontentare tanto i palati europei.
Per vedere i primi caffè in Italia bisogna attendere il XVIII secolo quando a Venezia - non a caso porto frequentato da mercanti turchi - aperto nel 1720 il famoso Caffè Florian. Anche Carlo Goldone, nella sua opera La bottega del caffè, cita questi nuovi luoghi che raccontano momenti e atmosfere. "
"La mia prigione" - Dedicato a Nelson Mandela, che ha trascorso 27 anni in carcere per la sua lotta contro il sistema di segregazione razziale dell'apartheid in Sudafrica. Una delle sue citazioni più famose viene da un discorso sprezzante che tenne in tribunale durante il suo processo a Rivonia per tradimento nel 1964, in cui disse: "Ho combattuto contro la dominazione bianca e ho combattuto contro la dominazione nera. coltivato l'ideale di una democrazia e società libera, in cui tutte le persone convivono in armonia e con pari opportunità. È un ideale che spero di vivere e realizzare. Tuttavia, se necessario, è un ideale per il quale sono disposto a morire".
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
16 / 30 enlarge slideshow
"La mia prigione"
Dedicato a Nelson Mandela, che ha trascorso 27 anni in carcere per la sua lotta contro il sistema di segregazione razziale dell'apartheid in Sudafrica. Una delle sue citazioni più famose viene da un discorso sprezzante che tenne in tribunale durante il suo processo a Rivonia per tradimento nel 1964, in cui disse: "Ho combattuto contro la dominazione bianca e ho combattuto contro la dominazione nera. coltivato l'ideale di una democrazia e società libera, in cui tutte le persone convivono in armonia e con pari opportunità. È un ideale che spero di vivere e realizzare. Tuttavia, se necessario, è un ideale per il quale sono disposto a morire".
"La pentola di rame" - Da Artimondo: "La scelta dei grandi chef: pentole in rame. Il rame ha una grande conducibilità termica, unita alla sua uniformità, garantisce una cottura perfetta per la maggior parte dei cibi. L'importante è la qualità della stagnatura: un coperchio di stagno all'interno superficie della pentola, garantendo la sicurezza della cottura, evitando qualsiasi tossicità derivante dal cosiddetto verderame,
per questo le pentole in rame realizzate a mano da artigiani specializzati sono la soluzione migliore per chi vuole cucinare da chef, garantendo la migliore tenuta di tutte le proprietà degli ingredienti che vengono utilizzati. Ultimo ma non meno importante, in rame lavorato artigianalmente è praticamente eterno: solo una pentola periodica per controllare - appunto - la stagnatura"
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
17 / 30 enlarge slideshow
"La pentola di rame"
Da Artimondo: "La scelta dei grandi chef: pentole in rame. Il rame ha una grande conducibilità termica, unita alla sua uniformità, garantisce una cottura perfetta per la maggior parte dei cibi. L'importante è la qualità della stagnatura: un coperchio di stagno all'interno superficie della pentola, garantendo la sicurezza della cottura, evitando qualsiasi tossicità derivante dal cosiddetto verderame,
per questo le pentole in rame realizzate a mano da artigiani specializzati sono la soluzione migliore per chi vuole cucinare da chef, garantendo la migliore tenuta di tutte le proprietà degli ingredienti che vengono utilizzati. Ultimo ma non meno importante, in rame lavorato artigianalmente è praticamente eterno: solo una pentola periodica per controllare - appunto - la stagnatura"
"Aldilà di quello che vedi" - Da bioforme: "La cassapanca in legno - come complemento d'arredo tuttofare - rappresenta l'intero paradigma della vita umana e da qui la sua potente carica simbolica. custodisce il corredo di una sposa.
Infine, evoca la morte in modo potente, ricordandoci la forma dell'ultimo contenitore delle nostre spoglie."
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
18 / 30 enlarge slideshow
"Aldilà di quello che vedi"
Da bioforme: "La cassapanca in legno - come complemento d'arredo tuttofare - rappresenta l'intero paradigma della vita umana e da qui la sua potente carica simbolica. custodisce il corredo di una sposa.
Infine, evoca la morte in modo potente, ricordandoci la forma dell'ultimo contenitore delle nostre spoglie."
"Tunnel sotterranei" - "Cunicolo" è il nome dato dai
romani ad un cunicolo sotterraneo,
stretto e lungo, simile a quelli scavati dal coniglio selvatico (in latino,
appunto, cuniculus). Anche le gallerie e l'acquedotto sotterraneo svolgevano un ruolo strategico in alcuni conflitti, aiutando talvolta gli assalitori della città a penetrarvi, o viceversa consentendo l'approvvigionamento idrico di cittadini e truppe in assedi prolungati.
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
19 / 30 enlarge slideshow
"Tunnel sotterranei"
"Cunicolo" è il nome dato dai
romani ad un cunicolo sotterraneo,
stretto e lungo, simile a quelli scavati dal coniglio selvatico (in latino,
appunto, cuniculus). Anche le gallerie e l'acquedotto sotterraneo svolgevano un ruolo strategico in alcuni conflitti, aiutando talvolta gli assalitori della città a penetrarvi, o viceversa consentendo l'approvvigionamento idrico di cittadini e truppe in assedi prolungati.
"La grotta è la cantina più antica del mondo" - Da Città del vino: "Già i Romani avevano pensato di utilizzare le cavità naturali per conservare il mosto messo a fermentare in dolia (recipienti di terracotta panciuti poi sostituiti con botti di legno) e di garantire al vino una bassa temperatura immergendo le anfore nel acqua fredda dei pozzi più profondi.Ma la vinificazione in tini di pietra ha origine in epoca preistorica e i più antichi ritrovamenti di resti di vinificazione in Georgia, Armenia, Sicilia e Iraq (tutti quasi contemporanei) hanno portato alla scoperta in una grotta del villaggio armeno di Areni della più antica cantina al mondo, dove si produceva vino oltre 6.000 anni fa. Infatti l'affinamento in grotta non modifica le caratteristiche fondamentali del vino, ma gli permette di maturare o affinare in condizioni ideali."
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
20 / 30 enlarge slideshow
"La grotta è la cantina più antica del mondo"
Da Città del vino: "Già i Romani avevano pensato di utilizzare le cavità naturali per conservare il mosto messo a fermentare in dolia (recipienti di terracotta panciuti poi sostituiti con botti di legno) e di garantire al vino una bassa temperatura immergendo le anfore nel acqua fredda dei pozzi più profondi.Ma la vinificazione in tini di pietra ha origine in epoca preistorica e i più antichi ritrovamenti di resti di vinificazione in Georgia, Armenia, Sicilia e Iraq (tutti quasi contemporanei) hanno portato alla scoperta in una grotta del villaggio armeno di Areni della più antica cantina al mondo, dove si produceva vino oltre 6.000 anni fa. Infatti l'affinamento in grotta non modifica le caratteristiche fondamentali del vino, ma gli permette di maturare o affinare in condizioni ideali."
"La divisa è un contenitore di valori" - Oriana Fallaci: "Quando guardi un soldato o un poliziotto o un qualsiasi tutore del potere, non vedi altro che l'uniforme; da quella si passa direttamente al berretto o all'elmo, saltandoti sul viso e sulla testa".
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
21 / 30 enlarge slideshow
"La divisa è un contenitore di valori"
Oriana Fallaci: "Quando guardi un soldato o un poliziotto o un qualsiasi tutore del potere, non vedi altro che l'uniforme; da quella si passa direttamente al berretto o all'elmo, saltandoti sul viso e sulla testa".
"Una strada chiusa al traffico è un parco giochi" - Amo i vicoli stretti, nascosti, sconosciuti, intimi: trattengono, più di altri, le storie confidenziali della città.
(Fabrizio Caramagna)
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
22 / 30 enlarge slideshow
"Una strada chiusa al traffico è un parco giochi"
Amo i vicoli stretti, nascosti, sconosciuti, intimi: trattengono, più di altri, le storie confidenziali della città.
(Fabrizio Caramagna)
"Marmellate e confetture" - Da Vijam: "Si dice che la marmellata di arance sia stata inventata per Caterina d'Aragogna, la quale, avendo sposato il re d'Inghilterra Enrico VIII, non poteva più gustare i frutti della sua terra. L'origine della marmellata è in realtà molto più antica: come riportato nel ricettario romano di Apicio (IV-V secolo dC) già i greci erano soliti cuocere le mele cotogne con il miele per poterle conservare.
Preparazioni con finalità simili risalgono ai tempi dell'antica Roma, costituite da frutti interi immersi nel vino passito, nel vino cotto, nel mosto o nel miele. I Greci e i Romani usavano miele e vino come semplici dolcificanti perché lo zucchero era stato introdotto in Europa solo al tempo delle Crociate. Le confetture sono nate dall'esigenza di conservare la frutta, raccolta in stagione, così da poterla gustare nei periodi in cui c'era scarsità: la cottura e la presenza di zucchero ne garantivano una lunga conservazione, altrimenti impossibile in tempi senza sistemi di refrigerazione. "
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
23 / 30 enlarge slideshow
"Marmellate e confetture"
Da Vijam: "Si dice che la marmellata di arance sia stata inventata per Caterina d'Aragogna, la quale, avendo sposato il re d'Inghilterra Enrico VIII, non poteva più gustare i frutti della sua terra. L'origine della marmellata è in realtà molto più antica: come riportato nel ricettario romano di Apicio (IV-V secolo dC) già i greci erano soliti cuocere le mele cotogne con il miele per poterle conservare.
Preparazioni con finalità simili risalgono ai tempi dell'antica Roma, costituite da frutti interi immersi nel vino passito, nel vino cotto, nel mosto o nel miele. I Greci e i Romani usavano miele e vino come semplici dolcificanti perché lo zucchero era stato introdotto in Europa solo al tempo delle Crociate. Le confetture sono nate dall'esigenza di conservare la frutta, raccolta in stagione, così da poterla gustare nei periodi in cui c'era scarsità: la cottura e la presenza di zucchero ne garantivano una lunga conservazione, altrimenti impossibile in tempi senza sistemi di refrigerazione. "
"Oltre una porta" - Esistono molti tipi di porte che sorvegliano il passaggio a più stanze, case, edifici, uffici, chiese e altro ancora. Da Chiaravalli: "Non solo elemento architettonico, che preclude o facilita il passaggio da un ambiente all'altro, ma anche un oggetto magico carico di mistero e di significati nascosti. Nel corso della storia, la porta ha avuto un'importanza fondamentale per molte civiltà, soprattutto da un punto di vista simbolico e artistico. Se nelle tombe egizie rappresentava il punto di passaggio del defunto dalla vita terrena all'aldilà, nel pantheon romano vi era addirittura una divinità preposta alla sua protezione: il dio Giano. È molto difficile stabilire confini precisi quando si parla dell'evoluzione di un prodotto o di una tendenza, abbiamo potuto vedere come, nel corso delle varie epoche,
Dopo migliaia di anni, sembra che nulla sia cambiato. Oggi, infatti, “operai” artigiani perfezionare gli studi e ricercare la forma delle forme e del design, considerando la porta un elemento d'arredo essenziale per determinare le caratteristiche base di uno specifico contesto abitativo, di cui anticipa ed esalta lo stile. "
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
24 / 30 enlarge slideshow
"Oltre una porta"
Esistono molti tipi di porte che sorvegliano il passaggio a più stanze, case, edifici, uffici, chiese e altro ancora. Da Chiaravalli: "Non solo elemento architettonico, che preclude o facilita il passaggio da un ambiente all'altro, ma anche un oggetto magico carico di mistero e di significati nascosti. Nel corso della storia, la porta ha avuto un'importanza fondamentale per molte civiltà, soprattutto da un punto di vista simbolico e artistico. Se nelle tombe egizie rappresentava il punto di passaggio del defunto dalla vita terrena all'aldilà, nel pantheon romano vi era addirittura una divinità preposta alla sua protezione: il dio Giano. È molto difficile stabilire confini precisi quando si parla dell'evoluzione di un prodotto o di una tendenza, abbiamo potuto vedere come, nel corso delle varie epoche,
Dopo migliaia di anni, sembra che nulla sia cambiato. Oggi, infatti, “operai” artigiani perfezionare gli studi e ricercare la forma delle forme e del design, considerando la porta un elemento d'arredo essenziale per determinare le caratteristiche base di uno specifico contesto abitativo, di cui anticipa ed esalta lo stile. "
"Nascosto all'interno di un mobiletto" - Da Macchine per cuire: "La storia della macchina per cucire dura da quasi 170 anni e ovviamente si è evoluta molto nel tempo. Le prime macchine per cucire essere montate su un apposito mobiletto. Abbiamo fatto una prima rivoluzione con l'invenzione delle custodie della macchina da cucire. Erano costituite da un mobiletto in legno sopra il quale veniva posizionata la macchina e grazie ad esso era possibile anche sul tavolo di casa. Il coperchio era dotato di una maniglia che ne permetteva il trasporto."
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
25 / 30 enlarge slideshow
"Nascosto all'interno di un mobiletto"
Da Macchine per cuire: "La storia della macchina per cucire dura da quasi 170 anni e ovviamente si è evoluta molto nel tempo. Le prime macchine per cucire essere montate su un apposito mobiletto. Abbiamo fatto una prima rivoluzione con l'invenzione delle custodie della macchina da cucire. Erano costituite da un mobiletto in legno sopra il quale veniva posizionata la macchina e grazie ad esso era possibile anche sul tavolo di casa. Il coperchio era dotato di una maniglia che ne permetteva il trasporto."
"La raccolta dei fichi" - I fichi vanno raccolti nelle ore fresche del mattino, completi di peduncolo, utilizzando anche un piccolo forbice da giardino o un coltello affilato; dopo la rimozione si consiglia di riporli in contenitori a uno o al massimo due strati.
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
26 / 30 enlarge slideshow
"La raccolta dei fichi"
I fichi vanno raccolti nelle ore fresche del mattino, completi di peduncolo, utilizzando anche un piccolo forbice da giardino o un coltello affilato; dopo la rimozione si consiglia di riporli in contenitori a uno o al massimo due strati.
"L'organo a canne" - L'organo a canne, noto anche semplicemente come l'organo essendo il membro più noto della famiglia degli organi, è uno strumento musicale della famiglia degli aerofoni. Si suona tramite una o più tastiere, dette manuali, e una o più pedaliere. Nasce come vera e propria invenzione nel 275 aC circa ad Alessandria d'Egitto e, attraverso circa 2300 anni di storia, è appartenuta a diversi popoli e culture
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
27 / 30 enlarge slideshow
"L'organo a canne"
L'organo a canne, noto anche semplicemente come l'organo essendo il membro più noto della famiglia degli organi, è uno strumento musicale della famiglia degli aerofoni. Si suona tramite una o più tastiere, dette manuali, e una o più pedaliere. Nasce come vera e propria invenzione nel 275 aC circa ad Alessandria d'Egitto e, attraverso circa 2300 anni di storia, è appartenuta a diversi popoli e culture
"La finestrella delle Insulae Romane" - Sa Apros: "Le domus e le ville erano dotate di molte aperture di notevoli dimensioni affacciate sull'atrio o sul peristilio, molte delle quali prive di infissi; le porte che chiudevano le stanze avevano spesso la parte superiore, quella che oggi chiamiamo "lunette" , in legno traforato, che garantiva una ventilazione costante.Nelle insulae, invece, le finestre erano piccole e prive di infissi, e il poco isolamento era dato da pelli o tessuti usati come tendaggi e da alcune porte in legno per le aperture maggiori su le terrazze dei cenacoli più lussuosi”.
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
28 / 30 enlarge slideshow
"La finestrella delle Insulae Romane"
Sa Apros: "Le domus e le ville erano dotate di molte aperture di notevoli dimensioni affacciate sull'atrio o sul peristilio, molte delle quali prive di infissi; le porte che chiudevano le stanze avevano spesso la parte superiore, quella che oggi chiamiamo "lunette" , in legno traforato, che garantiva una ventilazione costante.Nelle insulae, invece, le finestre erano piccole e prive di infissi, e il poco isolamento era dato da pelli o tessuti usati come tendaggi e da alcune porte in legno per le aperture maggiori su le terrazze dei cenacoli più lussuosi”.
"La tinozza del bucato con acqua bollente e cenere di legna" - La tinozza serviva per fare il bucato con la "liscivia", che consisteva nel lasciare in ammollo i panni sporchi in acqua bollente e cenere di legno (che contiene grandi quantità di carbonato di sodio e potassio e può essere usata al posto del sapone: una sorta di naturale “soda caustica” ad alto potere pulente).
Quindi, una volta vigorosamente strofinati e battuti, i panni venivano sciacquati nell'abbondante acqua corrente della fontana.
La stessa vasca di legno veniva usata anche per fare il bagno, quelle poche volte in cui
si faceva il bagno completo. Era necessario scaldare l'acqua un secchio alla volta e poi portarla alla giusta temperatura aggiungendo acqua fredda (e in questa "vasca" si lavava anche la gente).
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
29 / 30 enlarge slideshow
"La tinozza del bucato con acqua bollente e cenere di legna"
La tinozza serviva per fare il bucato con la "liscivia", che consisteva nel lasciare in ammollo i panni sporchi in acqua bollente e cenere di legno (che contiene grandi quantità di carbonato di sodio e potassio e può essere usata al posto del sapone: una sorta di naturale “soda caustica” ad alto potere pulente).
Quindi, una volta vigorosamente strofinati e battuti, i panni venivano sciacquati nell'abbondante acqua corrente della fontana.
La stessa vasca di legno veniva usata anche per fare il bagno, quelle poche volte in cui
si faceva il bagno completo. Era necessario scaldare l'acqua un secchio alla volta e poi portarla alla giusta temperatura aggiungendo acqua fredda (e in questa "vasca" si lavava anche la gente).
"L'anfora della Samaritana" - Da Giovanni Tonucci: "Ora fermiamo la nostra attenzione sull'anfora. Fu il motivo della sua
prima polemica: "Io ho un'anfora, è la mia sicurezza, tu non hai niente". A che serve
che tu sia vicino al pozzo , non hai cosa disegnare? Sembra che non ci sia rimasto un
secchio lì a disposizione di tutti.
Pensiamo a quali sono le nostre certezze: ho un buon lavoro, un
guadagno sicuro e alla fine del mese prendo bene: è la mia sicurezza; sono una
persona importante, sono rispettato dalle persone e la mia opinione conta: è la mia
sicurezza; ho un buon conto in banca, e anche se c'è una crisi, so come ottenere da: è la
mia sicurezza; sono bella e intelligente, gli uomini mi ammirano: è mia
sicurezza. Ma ci sono anche sicurezze più solide e fondate: ho una bella famiglia tra loro
ci vogliamo bene e siamo uniti: è la mia sicurezza. Queste sono le nostre “anfore”, che ci contraddistinguono e ci portano a giudicarli
altri: non hanno quello che ho io, non sono capaci, non capiscono, non
possono vivere la mia serenità .
Eppure queste anfore perdono il loro significato quando il Signore ci fa capire che
vuole di più da noi, che quella brocca non basta, non serve più, perché c'è una
dimensione più alta e più grande: una sorgente zampillante di vita eterna. Quando penso di aver fatto tutto ciò che potevo e dovevo, in quel momento il
Signore mi chiama ancora a fare di più, a fare di più ea fare meglio. "
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
30 / 30 enlarge slideshow
"L'anfora della Samaritana"
Da Giovanni Tonucci: "Ora fermiamo la nostra attenzione sull'anfora. Fu il motivo della sua
prima polemica: "Io ho un'anfora, è la mia sicurezza, tu non hai niente". A che serve
che tu sia vicino al pozzo , non hai cosa disegnare? Sembra che non ci sia rimasto un
secchio lì a disposizione di tutti.
Pensiamo a quali sono le nostre certezze: ho un buon lavoro, un
guadagno sicuro e alla fine del mese prendo bene: è la mia sicurezza; sono una
persona importante, sono rispettato dalle persone e la mia opinione conta: è la mia
sicurezza; ho un buon conto in banca, e anche se c'è una crisi, so come ottenere da: è la
mia sicurezza; sono bella e intelligente, gli uomini mi ammirano: è mia
sicurezza. Ma ci sono anche sicurezze più solide e fondate: ho una bella famiglia tra loro
ci vogliamo bene e siamo uniti: è la mia sicurezza. Queste sono le nostre “anfore”, che ci contraddistinguono e ci portano a giudicarli
altri: non hanno quello che ho io, non sono capaci, non capiscono, non
possono vivere la mia serenità .
Eppure queste anfore perdono il loro significato quando il Signore ci fa capire che
vuole di più da noi, che quella brocca non basta, non serve più, perché c'è una
dimensione più alta e più grande: una sorgente zampillante di vita eterna. Quando penso di aver fatto tutto ciò che potevo e dovevo, in quel momento il
Signore mi chiama ancora a fare di più, a fare di più ea fare meglio. "
Link
https://www.margheritacoralluzzo.com/collezione_la_bellezza_e_dentro_le_piccole_cose_della_vita-p24503

Share link on
CLOSE
loading